sabato 29 settembre 2012

Annunci Romics 2012



Da Romics 2012 arrivano le prime novità dei prossimi mesi. Ovviamente le sorprese più grosse per il 2013 le avremo dopo Lucca Comics. 

MARVEL ITALIA
- MARVEL COLLECTION: arrivano in edicola le prime, psichedeliche avventure del DOTTOR STRANGE di STEVE DITKO! (scelta coraggiosa, complimenti. -nota del bloggista-)

- MARVEL COLLECTION SPECIAL: con le storie del gruppo più strano della Marvel, I CAMPIONI.

- Prosegue la collana MARVEL MASTERWORKS con i secondi volumi dedicati a CAPITAN AMERICA e HULK.

- GRANDI EVENTI MARVEL: una nuova collana che ristampa gli eventi-chiave dell'Universo Marvel. Si parte con SECRET WAR di Bendis/Dell'Otto, si proseguirà col devastante HOUSE OF M, si arriverà a... (fin che vende :D  -nota del bloggista-)

- EROI D'AUTORE: la ristampa cronologica e completa dei cicli più belli degli eroi Marvel scritti da autori indimenticabili. Si comincia col THOR di J.M. Straczynsky e col CAPITAN AMERICA di Ed Brubaker.

- 100% MARVEL BEST: le prime storie del DEADPOOL di Daniel Way, SPIDER-MAN'S TANGLED WEB, la X-FORCE di Kyle/Yost/Crain.

- MARVEL GOLD: AVENGERS – MADONNA CELESTIALE, INFINITY WAR, PUNISHER – FIUME DI SANGUE, IRON MAN – IRON MONGER.

- MARVEL OMNIBUS: THOR 2 di Walt Simonson, WOLVERINE, HOWARD THE DUCK. (grandi!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Howard the Duck -nota del bloggista-)

- Una doppietta sotto l'albero: MARVEL SPECIALE NATALE e MOON KNIGHT: SPECIALE NATALE.

- Il primo storico crossover tra l'universo Marvel e quello Ultimate: SPIDER-MEN di Bendis/Pichelli, miniserie di due numeri.

- Il volume 100% MARVEL: PIXIE COLPISE ANCORA, dedicato alla combattiva fatina degli X-Men, di Kathryn Immonen e Sara Pichelli.

- CAPITAN AMERICA CORPS: un'avventura con i Cap di tutte le epoche, firmata Stern/Briones.


PANINI COMICS
- La ristampa integrale in sette volumi b/n del CONCRETE di Paul Chadwick.

- GRENDEL: l'integrale del capolavoro di Matt Wagner, in dieci volumi.

- THE CAPE: l'ultima creazione di Joe Hill, il figlio di Stephen King.

- DIABLO III – LE SPADE DELLA GIUSTIZIA, la miniserie che fa da raccordo tra il secondo e il terzo capitolo del popolare videogame.

- Il ritorno in edicola di CONAN IL BARBARO, un bimestrale con le avventure del cimmero di Brian Wood & Becky Cloonan.

- Il nuovo romanzo della serie cult THE WALKING DEAD.

- TANK GIRL: torna in Italia la serie punk del creatore dei Gorillaz!



STAR COMICS
SA – SPECIAL A di Minami Maki
Tipologia: shoujo
17 vol.completo
Il manga verrà pubblicata da gennaio 2013 con cadenza mensile solo in fumetteria al prezzo di 4,30€.

360° MATERIAL di Minami Touko
Tipologia: shojo
8 vol. completa (da confermare)
Il manga verrà pubblicato da gennaio 2013 ogni quattro mesi nella testata AMICI alternata a Black Bird, Love Begins e Obakachan – Silly Love Talking.

Inoltre son stati passati in rassegna dei precedenti annunci in dirittura d'arrivo; per la precisione:

Lunar Legend Tsukihime

Bloody Monday Season II – Pandora’s Box

Mieru Hito Ghost Visions

Full Swing

Detective Conan VS Kaito Kid

Arrivare a te: in anteprima assoluta allo stand Star Shop a Romics

Monk!: vanterà un lancio promozionale al prezzo speciale di 1,90€, solo in fumetteria.

Pandora Hearts: sarà presentato in anteprima a Lucca Comics al prezzo speciale di 1,90€.

Tutor Hitman Reborn: verrà presentato in anteprima a Lucca Comics nella doppia edizione. Inoltre, prossimamente su Man-Ga dovrebbero essere trasmessi i nuovi episodi.
Mirai Nikki Variant Edition n. 7: verrà presentata in anteprima a Lucca Comics per celebrare la partecipazione di Sakae Esuno, ospite di Star Comics durante la manifestazione. La variant edition presenterà una cover di un colore diverso rispetto all’originale, una finitura olografica e un mini poster interno con illustrazione inedita. Le modalità per ottenere gli autografi verranno indicate al più presto sul sito dell'editore.
---------


Per quanto concerne ulteriori osservazioni:

DICEMBRE 2012: Claymore 21 (finalmente!  -nota del bloggista-) e Detective Conan 75
GENNAIO 2013: Zetman 17, Oh! Mia Dea 44
FEBBRAIO 2013: Jumbor

Fonte: animeclick.it


AGGIORNAMENTI



PLANET MANGA
Ecco le prime novità Planet Manga del 2013, presentate oggi a Romics.
- L'EREDITÀ DEI SOGNI (Yume no Kaseki) di Satoshi Kon.
- ENIGMA di Kenji Sakaki.
- 69 di Satoshi Shiki.
- RAGIONE E SENTIMENTO (Bunbetsu to Takan) di Hina Sakurada.

Maggiori dettagli sulle singole pubblicazioni verranno annunciati sulle pagine di ANTEPRIMA e sulle checklist con l'approssimarsi delle rispettive date d'uscita.


Fonte: paninicomics

GOEN
Goen rivela l’inizio della collaborazione con Shueisha e Hakusensha, annunciando, tra gli altri titoli, il ritorno in Italia di Detroit Metal City.
Riportiamo dalla pagina facebook dell’editore gli annunci della conferenza stampa tenutasi oggi pomeriggio a Romics:
Gli annunci Goen di Romics. Inizia la partnership con Hakusensha e Shueisha!
Cominciamo col grande ritorno di Detroit Metal City!
E da Shueisha Gakuen Heaven del maestro U-Jin!
Infine, da Ichijinsha Nido di Vespe ( Hachi no su) elegantissimo volume unico di Kazuya Minekura!

Fonte: Manga Forever


GP PUBLISHING


E’ stata annunciata la pubblicazione di Etoile, Luck Stealer, Number e confermata quella, già rivelata in un Question Time, dello slice of life Usagi Drop! Inoltre è stato presentato Songes, una bande dessiné scritta da Denis-Pierre Filippi e disegnata da Terry Dodson.

USAGI DROP

  • Autore: Yumi Unita
  • Target: Josei
  • Genere: Slice of life
  • Numero di volumi: 9
  • Editore giapponese: Shodensha (Feel Young)

Tornato a casa per partecipare al funerale del nonno, Daichi, impenitente scapolo trentenne, scopre che il vecchio ha avuto una figlia illegittima con una donna molto più giovane. Come lui, anche il resto della famiglia è imbarazzato e scosso dalla rivelazione, tanto che nessuno dei parenti vuole avere a che fare con la piccola, taciturna, Rin di sei anni, abbandonata perfino dalla madre. In un impeto di fierezza, Daichi decide di fare il primo passo e prenderla con sé! Vivere con questo immaturo trentenne servirà a Rin ad uscire fuori dal guscio? E d’altro canto, potrà questa serie di eventi portare a qualcosa di buono per la vita affettiva di Daichi? Il manga di Yumi Unita, serializzato fino allo scorso aprile sullo josei magazine Feel Young di Shodensha si compone in totale di 9 volumi. Dal manga sono tratti la serie animata in 11 episodi di Production I.G trasmessa su Fuji TV fino a metà settembre e il film live-action distribuito nelle sale giapponesi ad agosto.

ETOILE

  • Sceneggiatore: Hiroshi Izawa
  • Disegnatore: Kotaro Yamada
  • Target: Shonen
  • Genere: Azione
  • Numero di volumi: 2

Editore giapponese: Shueisha (Monthly Shonen Jump)
Étoile, shonen storico del 2007 scritto da Hiroshi Izawa e disegnato da Kotaro Yamada, ci porta nella Francia del XVII secolo. Dopo la morte infamante del padre e mentore, D’Artagnan giura di non diventare mai un nuovo paladino della giustizia, e di dedicare invece le sue attenzioni alle meravigliose donne che lo attorniano. Ma quanto una graziosa fanciulla inseguita da un misterioso spadaccino annunciato dai corvi giunge in città, il suo passato sembra risplendere di una luce tutta nuova. Ora il giovane donnaiolo non può più ignorare il richiamo del suo sangue e dell’avventura! Due i volumi del manga, concluso forse troppo rapidamente per la cancellazione, a luglio dello stesso anno, di Monthly Shonen Jump di Shueisha, dov’era pubblicato contemporaneamente a serie più apprezzate come Claymore, Rosario + Vampire e Letter Bee, invece trasferite su altre testate


NUMBER

  • Autore: Kawori Tsubaki
  • Target: Shojo
  • Genere: Azione, fantasy
  • Numero di volumi: 7
  • Editore giapponese: Mag Garden (Comic Avarus, Comic Blade Avarus)

Sono poi 7 i volumi di Number, shojo tutto azione del 2008 scritto e disegnato da Tsubaki Kawori per Mag Garden: l’organizzazione Thanatos accetta ed esegue omicidi su commissione.
All’interno di questa gilda di assassini professionisti si muove un’elite di dieci killer d’eccezione chiamati “Numbers” e investiti di una grande varietà di privilegi. Questi hitman gareggiano in un’escalation di sangue e violenza per decidere ogni volta a chi spetti il titolo di Numero 1. Ma il motivo per stare sul podio non è solo questo: chi riesce a trattenere la vetta per il tempo sufficiente può arrivare alla cima dell’Yggdrasil ed esaudire un desiderio. Protagonista principale è Toneriko Furoribanda, unitosi alla gilda dopo lo sterminio della sua famiglia per mano di Tekirai, il Numero 1 dell’organizzazione, che ha giurato di uccidere

LUCK STEALER

  • Autore: Hajime Kazu
  • Target: Shonen
  • Genere: Azione
  • Numero di volumi: 8 (in corso)
  • Editore giapponese: Shueisha (Jump SQ)

Luck Stealer è l’unico dei titoli ancora in corso. Yusei Kurusu è un giustiziere a pagamento. La sua particolarità risiede nel suo metodo di uccisione. Egli è soprannominato “Luck Stealer”, “ladro di fortuna”, per la capacità di sottrarre e immagazzinare la fortuna della vittima semplicemente afferrandola a mani nude. Da quell’istante il malcapitato perde rapidamente la vita in seguito a una serie di incredibili e sfortunate coincidenze. Ma a cosa gli servirà tutta questa fortuna immagazzinata? Opera di Hajime Kazu, Luck Stealer conta attualmente 9 volumi.

Fonti: Comicsblog e nanoda.com

ITALYCOMICS



ITalycomics: in arrivo Frankenstein Alive, Alive! di Bernie Wrightson e Steve Niles
Dopo The Ghoul, Italycomics presenterà una nuovissima opera del duo Steve Niles -Bernie Wrightson.
Paolo Accolti Gil, incontrato allo stand del Romics, ci ha comunicato che Italycomics ha acquistato i diritti di Frankenstein Alive, Alive!, la più recente fatica di Bernie Wrightson e Steve Niles che ha debuttato negli Stati Uniti a Maggio di quest’anno per la IDW.
L’opera è pensata in 13 albetti, e vede il ritorno dell’acclamato disegnatore sulla creazione diMary Wollstonecraft Shelley dopo l’esperienza che nel 1983 lo vide illustrare il romanzo originale.
In Frankenstein Alive, Alive! gli autori immaginano cosa ne è stato della creatura dopo la conclusione del romanzo; oltre al fumetto (28 pagine) gli albetti della serie contengono anche interviste agli autori e materiale in prosa come i capitoli dell’opera originale.

Fonte: Manga Forever
 
 

venerdì 28 settembre 2012

Mini Glossario dei Comics

Molte volte, sulle pagine di Facebook dedicate alle case editrici ma anche, su alcuni forum, ci sono diverse persone che discutono se quella storia è un maxievento o un crossover.

In effetti sono diversi termini che un lettore, all’inizio, può avere difficoltà a comprendere o a rendere propri. Mi sono preso 5 minuti di tempo e ho cercato di stilare una lista con una piccola definizione di tutti termini che si possono trovare nel mondo dei comics. Alla fine è venuto fuori una specie di glossario.
Di sicuro avrò perso qualche “voce”, nel caso aiutatemi voi, miei fidi lettori, con qualche commento.

FORMATO DEI FUMETTI (presenti in Italia)
SPILLATO
Formato del fumetto più comune in Italia per il mercato dei comics. tendenzialmente mensile, lo spillato è un prodotto editoriale da 68 pagine con le pagine innestate una dentro l’altra e bloccata da due punte metalliche. Lo spillato, per la sua forma, presenta al suo interno un personaggio principale e una o due serie inserite come appendice.
 lo spillato della Star Comics dedicato all'Uomo Ragno

TP (TRADE PAPERBACK) O BROSSURATO
Albo tendenzialmente di 96-112-136-168 pagine. La copertina è in cartoncino flessibile e la brossura riguarda una costoletta usata per rilegare le pagine. Il Tp, in genere raccoglie cicli di storie di un unico personaggio, piccole saghe autoconclusivi, cicli di storie (ad esempio le saghe cosmiche della Marvel). Questo formato viene scelto per avere un prodotto da fumetteria (in alcuni casi anche da edicola) ad un prezzo economico.
Esistono poi edizioni più pregiate come i 100% Marvel. Con il termine Tp si intendono anche i volumi allegati ai quotidiani.
un Tp dedicato ai Thunderbolts

GRAPHIC NOVEL
Il romanzo grafico è un’edizione speciale di una storia, fatta da un autore famoso, pubblicata in un unico volume con il suo inizio e la sua fine. La prima graphic novel è stata “Contratto con Dio” di Will Eisner pubblicata nel 1978.

HARDCOVER (HC) O CARTONATO
Il cartonato è una particolare rilegatura che raccoglie un ciclo di storie. La copertina è in cartone rigido (a differenza dei Tp) ed è considerata un’edizione di pregio. In genere, in formato HC vengono messe le storie di un certo successo, pubblicate prima su spillato, poi su Tp e infine, si HC. Un esempio può essere Marvels di Busiek & Ross.
  il cartonato di Marvels

ABSOLUTE EDITION (EDIZIONE ASSOLUTA)
Edizione di lusso, pubblicata in grande formato. Oltre alla storia, vengono inseriti articoli, sketch, approfondimenti. La carta è di solito patinata. Il prezzo è molto alto e il prodotto è dedicato ai collezionisti. Ovviamente, le storie in Abosolute Edition si trovano anche in edizioni “più povere”.

PRESTIGE
Il formato Pestige consiste in un labo, di solito da 48 pagine, con carta patinata e costoletta. L’edizione, come dice il nome, è di prestigio. Il primo albo Prestige fu fatto nel 1986 con “Batman Il Ritorno del Cavaliere Oscuro”.

OMNIBUS
Edizione di circa 500 pagine che raccoglie un ciclo intero di storie eseguite da un autore particolare. Edizione molto usata in questi ultimi anni da Panini Comics. il formato viene utilizzato per non produrre più volumi e creare un prodotto che con un unico acquisto, soddisfi il lettore senza farlo attendere.

L'Omnibus di Thor by Simmonson

  
FORMATO DEI FUMETTI (non presenti in Italia)
SHOWCASE
Volumi economici con rilegatura brossurata, gli Showcase contengono storie molto vecchie, in genere tra gli anni 40 e 70. le pagine sono circa 500, di scarsa qualità, e in bianco e nero. Il prezzo è contenuto. Uno dei pochi esempi di pubblicazione in Italia è stata fatta dalla Planeta de Agostini con gli Showcase di “Shazam” e di qualche altro personaggio Dc.
 uno dei Showcase della Planeta de Agostini

ARCHIVI (ARCHIVES)
Come gli Showcase, gli Archivi propongono storie datate in formato cartonato. Il prezzo ovviamente è maggiore e le pagine sono a colori e di numero inferiore rispetto gli Showcase.

ANNUAL
Albo speciale, pubblicato in Estate. Come idea di pubblicazione (non di formato e numero di pagine) sono i corrispettivi dei nostri Texoni, Dylandogoni ecc. Gli Annual in Italia sono pubblicati sulle serie spillati di quel determinato personaggio.

FLIP BOOK
I Flip Book sono albi stampati sotto/sopra, dove una metà di legge in universo, l’altra girando l’albo. Questo formato è usato in un momento particolare, mentre una volta era usato per lanciare un nuovo personaggio in un albo.

COMIC STRIP
Le strisce sono fumetti che prevedono la sequenza di vignette lungo una striscia, in genere in bianco e nero. La strip copre l’arco di una singola scena o battuta. Le strip più famose dei supereroi sono quelle pubblicate sui quotidiani di Spider Man, scritte da Stan Lee e disegnate da Jhon Romita Senior.
 una raccolta delle strip di Spider Man

TERMINI PER DESCRIVERE LE STORIE DEI COMICS

RUN
E’ il ciclo di storie fatte sulla serie spillata da un autore o da un gruppo di autori. Un esempio è la run di Straczynski su Spider man. La run, formalmente, ha un punto iniziale ed un punto finale, che si riallaccia alla continuity precedente del personaggio/gruppo per modificarsi secondo le esigenze ed idee del nuovo autore.

SERIE REGOLARE (ongoing series)
Serie mensile dove vengono pubblicate le storie di un personaggio, di un gruppo o di più personaggi.
La serie può essere monthly (mensile), bimonthly (bimestrale), Seminannual (semestrale), Annual (annuale), weekly (settimanale).
Le serie regolari USA generalmente presentano 22 pagine e hanno presentano la data di uscita (mese + anno), due mesi avanti all’effettiva pubblicazione. Ad esempio, in questo momento, negli USA avete un fumetto con data di pubblicazione Novembre 2012.
 la serie regolare della JLA post new 52

MINISERIES (MINISERIE)
Collana ideata per durare da un minimo di 2 numeri ad un massimo di 6. Da 6 numeri a 12 si parla di MXISERIE, da 13 numeri in più si passa a SERIE REGOLARE.
La miniserie è nata negli anni 70 e permette ad una casa editrice di presentare un uovo personaggio, rilanciare un vecchio, presentare una nuova storia, senza correre il rischio di presentare immediatamente una serie regolare con il rischio di chiuderla molto presto.
Un esempio di miniserie in Italia, si può trovare nelle precedenti pubblicazioni della Bonelli.
la miniserie di 6 numeri del Dottor Strange della Marvel Italia

anche se non è propriamente un editore da supereroi, anche la Bonelli fa le sue miniserie, come ad esempio la mini da 12 numeri Greystorm

CONTINUITY
Caratteristica tipica dei fumetti di supereroi. La continuity è dare una linea temporale all’evolversi delle storie di un personaggio/gruppo. La continuity è una continuità narrativa di tipo orizzontale.

RETROACTIVE CONTINUITY (RET-CON)
La retroactive continuity (Ret-Con), è un artificio narrativo che permette di rinarrare le origini di un personaggio/gruppo. In questa maniera si possono cambiare alcune caratteristiche o presentare nuovi eventi da utilizzare come riferimenti per le storie da inserire sulla serie regolare nella continuity odierna.

CROSSOVER
Storia conclusiva di cui le sue parti si sviluppa su più testate i  maniera progressiva creando così degli incroci editoriali. Da non confondere con Megaevento.
un bellissimo crossover dipanatosi su varie tesatte dei primi anni 90: Infinity War

MEGAEVENTO
Storia conclusiva che raccoglie personaggi di una casa editrice e unendoli all’interno dello sviluppo della trama. Il megavento al momento è molto usato dalla Marvel, che ha creato un filone molto fortunato con i suoi “Civil War”, “Secret Invasion, “Fear It Self”, “Avengers Vs X-Men”.
 il più recente megaevento Marvel

TEAM UP
Si definisce “intercompany team up” l’incontro di personaggi appartenenti a collane differenti in una delle serie regolari dedicate ad un o all’altro personaggio. Il team up era molto utilizzato negli anni 70, a tal punto che venne creata al serie regolare Spider Man Team Up.
uno dei tanti volumi di Team-Up dedicati a Spidey

TIE-IN
Storia di collegamento ad un Megaevento che si sviluppa su altri albi. Il Tie In si po’ ad esempio sviluppare sulla serie regolare. Il Tie In ormai ha fini prettamente commerciali in quanto obbliga il lettore completista ad avere molti più albi di quelli che servirebbero per avere il ciclo completo dia determinata saga. Infatti, gli albi in questo caso, non sono necessari alla comprensione dell’evento in atto.

ONE SHOT
Il “colpo di pistola” presenta una storia autoconclusiva contenuta in un singolo album. Generalmente è un riempitivo di una serie regolare per raggiungere il numero di pagine dell’edizione.

SPIN-OFF
Serie estratta da un altro fumetto di grande successo, tendenzialmente legato ad un personaggio che emerge sulla testata iniziale. Un esempio è la testa di Wolverine, nata come Spin Off di Uncanny X-men o, se parliamo di livello italiano, Legs Weaver, consociuta su Nathan Never per poi ricevere una testata tutta sua.

FILL-INN
Il Fill-inn è una storia riempitiva, creta molto tempo prima e tenuta appunto, come riserva; da posizionare nelle serie regolari quando ci sono ritardi da parte degli autori nel consegnare l’episodio della run in corso. Questo è una tipo di storia rara in quanto non è molto apprezzata da parte del pubblico. Negli ultimi anni, per recuperare eventuali ritardi, alcune storie possono essere terminate da altri disegnatori.

WHAT IF
Particolari Elseworlds, molto utilizzati dalla Marvel. I What If parlano di sviluppi narrativi che sarebbero successi se un determinato personaggio nella sue serie regolare avrebbe fatto scelte diverse o se alcuni fatti sarebbero successi in maniera diversa.
 e se Mary Jane non avesse sposato Peter? What If che cnonc entra niente con "un momento nel tempo" ovviamente (e fortunatamente!)

ELSEWORLDS
Gli “altri mondi” sono storie fuori continuity. Alcuni esempi sono “Justice” e “Kingdome Come” della Dc Comics.
 la bellissima Justice, storia fuori continuity

POST-CRISIS
Termine proprio della Dc Comics, il Post Crisis sono le storie che avvengono sulle serie regolare dopo le varie Crisi. Per Crisi sono intesi i Megaeventi della Dc Comics.

ETA’ DEI COMICS (COMICS AGE)
GOLDEN AGE
La Golden Age va dagli anni 30, nascita del fumetto americano di supereroi alla fine dei anni 50
SILVER AGE
La Silver Age va dal 1956 ai primi anni 70.
BRONZE AGE
La Bronza Age va dai primi anni 70 alla fine degli anni 80.
MODERN AGE
La Modern Age va dal 1986 ai giorni nostri.


giovedì 20 settembre 2012

Authority



Dire che è il mio fumetto preferito è una parola grossa, ma si avvicina a questo traguardo, e di molto. Assieme a qualche altra lettura, direi che Authority è una di quei fumetti che mi porterei su un’isola deserta.



Authority si più definire come un fumetto crudele, violento, che non guarda in faccia nessuno. Authority è lo sviluppo del supereroe buono, diventato cinico, con il suo senso di giustizia che non va d’accordo ad idee di patriottismo o alla fedeltà ad una bandiera a stelle e strisce.

Sia ben chiaro, rispetto ad Authority esiste qualcosa di più violento, ironico e dissacrante. Ovviamente sto parlando delle varie opere di Garth Ennis (Punisher, The Boys, Preacher, Crossed, Woormwood). Ma Ennis, che comunque ha fatto e fa buone cose, esagera troppo, rendendo quindi il suo fumetto qualcosa di veramente too much, che può anche stufare oppure essere visto come unica maniera per rendere un prodotto appetibile.
Authority invece ha un’ equilibrio, cattivo e violento quanto basta, ma con la costante presenza del concetto di fumetto supereroisitico.
Infine, possiamo trovare un’altra caratteristica, più unica che rara. Authority sviluppa il concetto di gruppo prevenzionista. Leggendo le storie si potrà vedere come Authority vuole anticipare i problemi estirpando alla radice la causa. Questa, probabilmente, è la più grande differenza rispetto a gruppi come gli Avengers o la JLA; gruppi che definirei intervenzionisti. Ad una crisi si interviene, ma non si previene mai il male.


Authority, nasce nel 1999 per mano di Warren Ellis ai testi con i disegni di Brian Hitch. Gruppo ricavato dai dissolti Stormwatch, troviamo i seguenti personaggi:

Jenny Sparks: Jenny è lo spirito del XX secolo. A circa vent’anni di età ha smesso di invecchiare e ha ottenuto i suoi poteri di natura elettrica. Capo di Authority, passa il suo tempo mostrando un carattere disilluso, fumando e bevendo, cose che tra l’altro non fanno effetto su di lei.
C’è l’ipotesi che Warren Ellis l’abbia creata come suo alter ego, un po’ come Tiziano Sclavi con Dylan Dog.

Jack Hawksmoor: vive in simbiosi con le città, che può comandare a suo piacimento.

 Swift, alias Shen Li-Min: cinese tibetana, buddista, vegana, femminista. Fin qui una persona con caratteristiche normali, ma se gli dotate le ali e la rendete la predatrice più veloce del pianeta, capite che con Swift non si può scherzare. E’ anche il pilota del Carrier.


Apollo (identità sconosciuta): la versione Authority di Superman. Apollo è una batteria energetica, che si ricarica donandoli poteri come il volo, la vista laser, super forza. Fidanzato di Midnighter! 


   
Midnighter (identità sconosciuta): la versione Authority di Batman. Grazie alla sua capacità fisiche e neurali, può analizzare il suo avversario per determinare qual è il metodo migliore per batterlo. Fidanzato di Apollo!

Doctor, alias Jeroen Thornedike: sciamano globale, eroinomane. Ha ricevuto il potere di entrare in connessione con la terra.

 Engineer, alias Angela Spica: nel suo sangue sono presenti delle nano macchine. Con il suo corpo è in grado di creare qualsiasi cosa riesca a pensare.
 

Il Carrier: non è proopriamente un eprsonaggio, però ha un'anima, e quindi lo metto. il Carrier è casa, quartier generale e mezzo di trasporto di Authority. Il Carrier può viaggiare attraverso il Bleed, “il mare” che connette le varie dimensioni dell'Universo Wildstorm (e ora DC). Inoltre attraverso il Carrier si possono aprire le "porte" per accedere in qualsiasi punto della terra o in per andare in qualsiasi punto di qualsiasi realtà.




Se qualcuno è interessato a leggere Authority, che tra l’altro sarebbe lo scopo del post, vi consiglio di leggere la prima stagione.
La prima stagione si divide in due run, che hanno come autori rispettivamente Ellis-Hitch e Millar-Quitely.
I volumi sono della Magic Press, e si può optare per due Omnibus (divisi per autore) o per 5 Tp (dal numero 1 al numero 5).
Nella prima run, Authority si dovrà confrontare con il regno inglese proveniente da un’altra dimensione, contro un dittatore che ha schiavizzato il suo popolo e contro un dio. Solamente…
Nella run di Millar, invece, oltre a raggiungere l’apice delle qualità in fatto di storie, Authority dovrà confrontarsi contro la ribellione della Terra stessa (!!!!!) nei confronti dell’umanità, con tanto di relativa evacuazione della popolazione mondiale in altre realtà!!!! Come se non bastasse, i protagonisti dovranno difendersi dalla volontà delle multinazionali / paesi del G8 di volerli sostituire con un gruppo a loro fedele. Solamente…
In mezzo a questi eventi, ci sarà la caratterizzazione di tutti personaggi, con le loro debolezze ed i loro pregi. Nonostante siano già personaggi esistenti dell’ ex gruppo Wildstorm, per il lettore non è necessario avere un background (che va da letture di fumetti precedenti a ricerche in internet di biografie) per comprende appieno chi è cosa.
Dimenticavo, in queste storie assisteterete anche ad un matrimonio tra due uomini con super poteri, alla faccia della Marvel che sta strombazzando il suo matrimonio come il primo della storia dei fumetti o che so io!
Se le storie vi piaceranno, potrete continuare con la gestione Morrison-Turner-Hurt-Regla, Abnett-Lanning-Coleby e Brubaker-Nguyen, tutti recuperabili su Tp Magic Press. Ma qui le storie calano, anche se, paragonando a molti altri titoli, sono comunque di grado superiore.

Se invece, non avete molta voglia di recuperare nulla, a breve dovrà uscire Stormwatch, la nuova serie Dc new 52. Stormwatch, al "prosecuzione" in chaive reboot di Authority, si troverà su Dc Edge Stormwatch 1: il lato socuro e conterra i primi 7 numeri USA:

Stomwatch 1 cover USA new 52 (da notare la presenza di Martian Manhunter)

sabato 15 settembre 2012

Le morti celebri nel mondo dei comics: classifica



Nonostante i fumetti USA si chiamino comics book, libretti comici, a partire dalla silver age la morte è sempre stata presente.
Praticamente tutti i supereroi più importanti hanno ospitato la storia di “una morte” nella loro testata, che poteva essere quella del protagonista stesso oppure quella di un personaggio a lui vicino o, della sua nemesi più importante.
L’idea di far morire qualcuno era legato al fatto empatico di dispiacere che nei lettori dovevano avere in funzione del sentimento che avrebbe provato il personaggio. Con il passare degli anni e delle morti “eccellenti”, tutto questo si è trasformato in un motivo commerciale, viene annunciata la morte di qualcuno tramite pubblicità su internet, giornali e tg.
Ma se uno muore e basta, andrebbe anche bene, purtroppo l’idea di morte non è definitiva e quindi ecco che arriva l’idea di “io ti faccio fuori, ma poi ti faccio anche risorgere”.

In mezzo a tutte queste morti, però, ci sono alcune che sono rimaste nel cuore dei lettori.
Quindi, stiliamo una piccola classifica delle morti più celebri dell’universo dei supereroi. Vedrò anche di aggiungere la pubblicazione italiana più completa, più economica o più facile da reperire

PRIMA POSIZIONE
La prima ovviamente, è la morte della stupenda, indimenticabile, Gwendolyne Stacy.
1970, Amazing Spider Man 121, muore Gwen Stacy, la fidanzata di Spider Man, in una storia bellissima.
Purtroppo il personaggio è stato “resuscitato” con la sua versione clone e, il mito suo venne definitivamente distrutto qualche anno fa con al comparsa dei gemelli avuti per mano di Norman Osborne. Grazie Marvel, hai fatto veramente un ottimo lavoro!
Volume italiano consigliato:Uomo Ragno Classic 35 ed. Star Comics oppure Spider-man Collection 41 della Panini Comics.


SECONDA POSIZIONE
Nel 1974 muore l’alieno Kree nonché difensore della terra Capitan Marvel. La cosa più incredibile, è che Capitan Marvel non muore in un’esplosione, o per mano del suo peggior nemico, ma per una malattia incurabile, un tumore.
Capitan Marvel non verrà mai risorto, probabilmente per evitare un feroce attacco da parte dei lettori. Quindi, per portare avanti il nome (e per non perder ei diritti d’autore vista la diatriba con la Dc), el corso del tempo diversi personaggi portano avanti il nome di Capitan Marvel.
Volume italiano consigliato: Le Grandi Saghe 19 “La Vita e la Morte di Capitan Marvel”


TERZA POSIZIONE
Nel 1985, abbiamo la terza morte d’elite, sulle pagine di Crisi Infinita sulle terre Infinite. Per salvare l’universo, muore il secondo Flash, il più amato del lettori, ovvero Barry Allen. Barry Allen resuscita nel 2006 nella saga Flash: Reborn. Inoltre Barry Allen è il flash ufficiale del new 52 della Dc.
Volume italiano consigliato: Play Saga 1÷6 “Crisis on Infinite Earths” della Play Press  oppure il volume cartonato editore Planeta de Agostini (occhio che costa)

QUARTA POSIZIONE
Al terzo posto mettiamo una storia del 1980, dove muore Jean Grey sacrificando la propria vita per il bene del mondo. Risorge nel 1986 su Fantastic Four 278.
Volume italiano consigliato: Le Grandi Saghe 41 “La Saga di Fenice Nera”.

 QUINTA POSIZIONE
Nel 1992 trova la morte Superman. La morte viene già preannunciata tramite una grande pubblicità. Storia molto bella, che però si tradisce nel finale facendo capire al lettore che Superman sarebbe ritornato a breve. Questo fu il primo caso, negli ultimi 10 anni morti stabilite con relativo resuscitazione sono all’ordine del giorno.
L’industria dei comic però, riesce sempre a trascinare il lettore, basti pensare alla Marvel che presenta i propri albi con la morte “annunciata” dentro una bustina di colore nero.
Volume italiano consigliato: Collana Serie Oro 5 “La Morte di Superman”.



FUORI CLASSIFICA
Metto due fuori classifica, uno perché è una storia elseword (fuori continuità) e una perché non mi è semrbata una grande storia, però questo è il mio parere e, a differenza mia, molti l’hanno apprezzata.
Quindi:

Primo posizione
La morte di Silver Surfer. Se avete occasione, recuperate Le Grandi Saghe 19 Silver Surfer “Requiem”. La storia parla di un Siver Surfer che sta perdendo i suoi poteri cosmici, portando a morte certa. Le bellissime tavole di Ribic vi accompagneranno nel percorso del surfista d’argento nell’ultimo saluto ai suoi più cari amici.

Seconda Posizione
Ebbene si, a me non ha detto niente è la morte dell’Ultimate Peter Parker. Secondo me Bendis ha fatto una bella storia, ma non l’ha resa stupefacente. Per lui era più importante parlare del funerale, apparso in Ultimate Fallout, più che della morte del personaggio stesso. E poi tutto questo serviva ad inserire un nuovo Spider Man, più moderno e più catcy per le nuove generazioni di lettori. Ripeto che molti sono rimasti contenti, quindi se volete leggerla, recuperate Ultimate Comics Spider-Man 13 della Panini Comics. Il funerale invece è su Ultimate Fallout.
Piccola nota, come vi dicevo prima, questo volumetto fu messo in vendita all'iterno di una busta nera.


martedì 11 settembre 2012

Recensione: NoFx Self Entitled



Oggi esce l'ultima fatica dei NoFx! Disco da avere a tutti i costi questo “Self Entitled”!!!!
NoFx "Self Entitled"

E ve lo dice uno che non è mai stato grande fan della band di Fat Mike.

 NoFx

In effetti, su 12 dischi che la band ha fatto, ho sempre praticamente ascoltato i dischi più famosi, ovvero “Punk in Drublic” e “So long And Thaks For All the Shoes”; oppure quelli più verso le mie sonorità come “Coaster” o “Pump Up the Valum”.
Prima cosa da dire: il disco è diverso dall’ultimo disco della band, “Coaster” del 2009 e, soprattutto (e meno male), dell’Ep di qualche mese fa intitolato “Thalidomide”.
Quindi,c osa possono aver fatto? Un ritorno alle origini! Ebbene si miei signori (e signore), Fat Mike & soci hanno fatto un disco che ricorda i vecchi successi degli anni. Insomma, qui abbiamo un nuovo “Ribbed”, disco uscito nel 1990 e praticante quello che ha portato i primi sensibili successi alla band.

 NoFx "Ribbed"

E aggiungo questo: un disco così ci stava! E questa è la dimostrazione della grande capacità musicale e manageriale che h a Fat Mike. Nel 2009 ti spara fuori un disco più catchy, più con sonorità legate a “Punk in Drublic”, esatta risposta alle critiche e alle preoccupazioni di tutti i fan: “ma il punk californiano, quello della Fat Records è tramontato? E’ tanto che non buttano fuori bei dischi, s soprattutto bei dischi”.
Fat Mike quella volta ci rispose e, nella migliore maniera.
E questa volta invece, dopo aver tranquillizzato i fan (ricordiamoci che a ruota sono uscite per Fat record perle come “Agents of The underground” dei Strung Out e “The Feel Good record of The Year” dei No Use For A Name).
Fat Mike presenta un disco old style, dedicato per il cambio generazionale dei fan. E si, perché gli anni passano, molti fan magari non ascoltano più il genere musicale di quando andavano alle high school, quindi è giusto presentare un disco appetibile per le nuove leve.
E questo è sinonimo di genialità, fai una release bella, suonata bene e studiata per un determinato target. Tutto questo, senza proclami su Youtube, mille pubblicità su Facebook o su siti più o meno importanti, Twitter ecc.

Ma parliamo di questo disco: ci sono 12 canzoni, e si inizia con “72 Hookers”, song che presenta anche un piccolo intro in pieno stile NoFx. Penso che 2 secondi di questo intro e una persona capisce subito che sono loro. La classe non è acqua (e ve lo dice uno che non è mai stato loro grande fan). Si continua poi con “I Believe in Goddess”, molto carina, e probabile canzone hit del disco. Qui si trova il classico ritornello NoFx style, decisamente meritevole!
“Ronnie & Mags”, terza song, mantiene alta l’attenzione, il disco non cala, anzi, fa aumentare l’entusiasmo. Si va avanti con “She Didn't Lose Her Baby”, che forse mi ricorda qualche track di “Punk in Drublic”. Abbiamo poi le carine “Secret Society” e “I, Fatty”. Molto meglio poi con “Cell Out”, che rialza la qualità del disco. A seguito “Down with the Ship”, “My Sycophant Others”, “This Machine Is” (bella bella!), “I've Got One Jealous Again” che è la canzone più lenta. Infine si conclude con “Xmas Has Been X'ed”.

Piccola curiosità: non c’è nessuna canzone con trombette e ritmi ska. Questo rinforza (secondo me), la mi opinione, un disco che ti riporta alle origini ma che elimina quei elementi che adesso non sono molto “apprezzati”, ovvero le ritmiche ska.
Disco da avere, punto e basta!

Catowman: Vacanze Romane - When in Rome



In questi giorni la Lion ha pubblicato in un’edizione Tp la miniserie Catwoman “Vacanze Romane”.
Personalmente ho già questa storia e ieri sera me la sono riletta. Quindi oggi non potevo evitare di scrivere qualcosa. Che sia ben chiaro, questa storia è da avere, mi raccomando.

Trama:
Vacanze Romane è una miniserie del 2004 scritta da Jeph Loeb e disegnata da Tim Sale. Questa storia presenta come protagonista Selina Kyle, alias Catwoman, che per motivi di lavoro si deve recare a Roma. Tutta la storia è ambientata nella città eterna, descritta traendo ispirazione dai classici del cinema USA. Uno su tutti, il famoso Vacanze Romane. Le atmosfere hanno sempre un piglio divertente, grazie all’utilizzo di personaggi come l’Enigmista, trasformato in cruccio per la protagonista e in macchietta ilare per il lettore. ottima scelta l'inserire Cheetah, nemica storica di Wonder Woman.
Catwoman viene disegnata da Tim Sale in maniera conturbante ed affascinante, dandole un tocco di fascino in più disegnandola con i capelli lunghi.

Batman appare solamente come Cammeo

Tim Sale interpreta così Selina Kyle


 Non preoccupatevi, poi se le prende, qui la situazine è peggio di Lupin con FujiKo...

 Chetaah vs Catowman

Il formato:
vi consiglio caldamente di saltare l’edizione della Lion, per i seguenti motivi: è un tp e non un cartonato, e per il prezzo richiesto, 16,95 euro, mi sembra un po’ troppo esagerato. Sarebbe opportuno,e con una piccola ricerca la cosa è fattibilissima, recuperare il volume numero 46 di Batman la Leggenda edizione Platino della Planeta de Agostini. A 9,9 euro avete la stessa storia, in volume cartonato, e con in appendice 3 storie di autori del calibro di Keith Giffen, Mike Mignola e Alan Moore.


 l'edizione della Lion che vi sconsiglio di prendere per via del costo e del formato




   l'edizione Planeta che vi consiglio di prendere

lunedì 10 settembre 2012

Batman: Hush



A breve Lion Comics eseguirà la riedizione di Batman: Hush -storia che mi raccomando tutti voi la dovete leggere-.
Non ho ancora ben capito in che formato vogliono fare, ma non credo si discosti tanto dall’edizione di Planeta de Agostini che, personalmente ritenevo buona. Anzi ci sono due versioni: quella formato stile cartonata / omnibus (costo 30 euro -ndt per un errore di stampa non è presente il prezzo sul volume-), ma di dimensioni umane che si riesce a portare in giro, sia in formato Batman la Leggenda, suddivisa in due volumi, il 19 e il 20 per l’esattezza (9,9 euro cad). L’edizione Lion costerà poco più del cartonato Planeta, perciò senza cercare in giro prenotate direttamente quest'ultimo in fumetteria.

Batman: Hush

Premessa:
Hush è una storia fatta per vendere, cioè è commerciale. non vedete questo come fuorviante, la storia non è un mero specchio per le allodole, una storiella che magari è si disegnata bene ma con poca trama, o viceversa. C’è stata fatta tanta pubblicità attorno vero, ma la storia e i disegni sono ottimi.
Vi dico solo questo: Joeph Loeb ai testi e Jim Lee alle matite… ovvero due artisti affermati, che se hanno possibilità per liberta creativa e tempi tecnici di sviluppo della storia possono fare cose notevoli. Quindi non ci deve essere la paura di leggere il solito mega racconto fatto dall’artista emergente (ciao Fraction!) che poi si rivela poco nulla ma, che è attorniato da bravi disegnatori limitando così la totale povertà del racconto (bravo Coipel!).
La storia appare originariamente su Batman 608÷619 del 2002 e, in Italia ha avuto le seguenti edizioni:

  • Batman Magazine 1÷12 e Dc Universe 1÷12 della play Press
  • Batman Hush versione cartonata e Batman la Leggenda 19-20 (le versioni che vi dicevo prima) della Planeta de Agostini
  • Batman: Hush edizione deluxe della Lion Comics, di prossima pubblicazione (con anteprima a Lucca Comix)


Trama:
Hush non prevede una conoscenza della continuity batmaniana (non ha fini di run), e presenta un grandissimo numero di personaggi. Attraverso un percorso investigativo, Batman dovrà scoprire chi è il suo nuovo avversario che conosce la sua vera identità. questo misterioso nemico sa benissimo che Bruce Wayne è Batman.

Attraverso diversi scontri si raccoglieranno i dettagli e gli indizi per la soluzione del mistero, con un finale che potrebbe lasciarvi soddisfatti o completamente delusi. Ma qua non posso aggiungere altro.
Per questa grande operazione, Loeb utilizzerà un sacco di personaggi, quali Catwoman, Robin, Superman, Ras al’Ghul, Huntress e un sacco di antagonisti, che singolarmente sfideranno il pipistrello. In sequenza Batman dovrà sfidare Killer Croc, Poison Ivy, Joker & Harley Quinn, l’Enigmista e Clayface. Particolare la presenza di Jason Todd, il terzo Robin e di Due Facce in versione molto interessante.

Testi e Disegni:
I disegni sono fantastici, molto curati e con diverse splash page. . I testi vanno in perfetta sintonia, si sposano benissimo con le atmosfere dark di una città in perenne lotta nell’equilibrio tra il bene e il male.

Batman and friends


 Enemies United (tra cui un joker veramente fuori di testa)


Batman: Hush è consigliato a chi ama i manga, a chi ama i fumetti Dc, ai fan del pipistrello e a chi non ha mai letto un fumetto. Insomma, proprio a tutti quanti.

The Mighty Thor: un'altra scusa per parlare di epica



Incredibile, qualcuno ha letto il mio post sulla mitologia greca & Wonder Woman! E gli è anche piaciuto! E mi ha anche consigliato di fare quello su Thor e i miti del nord!
Non posso fare altro che scrivere qualcosa!
Come vi dicevo qui, se la Dc Comics ha Wonder Woman e i miti greci, la Marvel Comics creo Thor, dio mandato sulla terra per punizione dal padre Odino.
Nel corso del tempo, tutti gli autori hanno utilizzato vari personaggi della mitologia nordica per le proprie storie. Il più inflazionato ovviamente è Loki, ma non dimentichiamoci di Odino, Balder, Siff, Volstagg, Tyr e Hogun.
Ovviamente, se qualcuno vuole leggere qualcosa, consiglio a tutti la run di Walt Simmonson, apparsa su Silver Surfer 1÷13 e Thor 1÷30, entrambi sotto editore Play Press. Se non volte recuperarvi questi numeri, allora vi conviene spararvi i due Ominibus (uno già uscito, l’altro di prossima pubblicazione) dedicati a questa saga.

 il Thor di Simonson. da notare la sua firma a forma di dinosauro (sua passione da bambino) in basso a sinistra.

 Prendendo come rifermento l’Edda di Snorri Sturluson, la mitologia nordica si sviluppò con riferimenti che ricordano la Kàbala ebraica, con la genesi della bibbia ed alcuni racconti mesopotamici.
All’inizio c’era solo un grande abisso, e questo vuoto era chiamato Gunnungagap. All’interno del Gunnungagap c’era l’albero Yggdrasil, l’albero cosmico della vita che sosteneva due mondi Muspell, il regno del fuoco e Nifelheim, il regno dell’oscurità.
Questi due regni erano divisi da Hvergelmir, una cascata d’acqua che alimentava con i suoi 12 fiumi il vuoto esistenziale. I fiumi, scorrendo attraverso Gunnungagap, creavano dei blocchi di ghiaccio.
Il caos originale, il big bang nordico, si sviluppò con la caduta di fiamme dal regno di Muspell sopra i blocchi di ghiaccio, formando gigantesche nuvole di vapore che formarono tutti gli elementi: lo spazio, il mare e una landa ghiacciata.
Il fuoco, cadendo sulla terra ghiacciata, cominciò a generare gli esseri viventi. Per prima venne generata la mucca Audhumla, la Madre Spazio. La mucca cominciò a leccare il ghiaccio e liberò il gigante Bur, mentre dalle gocce di ghiaccio si formò il gigante di ghiaccio Ymir. Inoltre sorgono 9 mondi sostenuti dall’albero Yggdrasil. Questi mondi sono uniti dalle infradimensioni Nilflheim.
Bor genera i primi dei, ovvero Odin, Vili e Ve.
Odin si stabilisce nel suo mondo, chiamato Asgard, che è unito attraverso un’infradimensione dove è posto a guardia il dio Heimdall. I dei vivevano felici e si alimentavano attraverso le mele della gioventù coltivate dalla dea Idun. Ma ad Asgard c’erano due diversi lignaggi di dei, gli Aesir ed i Vanir. Gli Aesir, con a capo Odin, erano di natura guerriera e viveva nel Valhalla, mentre i Vanir erano di natura inferiore ed abitavano il Vanaheim.
Ci saranno diversi conflitti tra questi dei e, soprattutto, tra Odin e i giganti di ghiaccio.
La fine del mondo degli dei, avverrà con il Ragnarok, la battaglia finale dove tutto scomparirà.
Qua sotto farò un piccolo elenco dei principali dei che abitano il Valhalla.

DIVINITÀ MASCHILI:
Odino dio supremo, Thor (Donar) dio della forza, Freyr dio delle forze fecondanti, Niord dio dei venti, Balder (o Baldur) dio della bellezza e dispensatore di bene, Widar dio della riservatezza, Wali e Uler maestri nel tiro con l'arco, Heimdall guardiano del Walhalla, Forsete dio della pace e della concordia, Tyr dio della guerra e della vittoria, Hoder dio della notte, Braga dio del vaticinio.

DIVINITÀ FEMMINILI
Frigga, regina delle dee e sposa di Odino, Freia dea dell'amore, Iduna dea dell'immortalità e sposa di Braga, Laga amica di Odino, Gefio dea della verginità, Loffa (o Lofn) protettrice dell'armonia coniugale, Rinda madre di Wali, Eira la guaritrice, Gerda sposa di Freyr, Sygn (o Syn) la giustizia, Var (o Wara) dea della fede e della verità, Sol dea del sole, Gna la messaggera degli dei, Hlyn e Fylla ancelle di Frigga, le walchirie donne guerriere, le Norne che sono le Parche germaniche.

domenica 9 settembre 2012

recensione: I Am War "Outlive You All"



Oggi si parla di un disco appena uscito, ovvero di “Outlive You All” dei I Am War e “Self Entitled”.
Gli I Am War sono il side project di Brandan Schieppati (voce dei Bleeding Through) e di Alex Varkatzas (voce dei –furono?- Atreyu).
 I Am War "Outlive You All"

Il disco in rete è stato un po’ pubblicizzato, soprattutto per la presenza alla voce di due uguali veramente potenti.
 Brandan Schieppati + Alex Varkatzas

Io mi aspettavo un disco bello violento, qualcosa di urlato e cattivo come le ultime release dei Bleeding through, con due voci e che si alternano comodamente.
Previsione azzeccata e felicità totale da parte mia! Il disco a me piace, eccome! Però bisogna porsi una domanda: ma serviva veramente fare un disco del genere? Perché qui c’è si un hardcore metalloso che ti spara 13 canzoni tutte della lunghezza sotto ai due minuti. Ma tutto si ferma qui. Personalmente, essendo grande fan del genere e dei due cantanti, sono contento e me lo ascolto ma se voi, miei cari lettori, non fate parte di questa cerchia, potete saltare a piedi pari questo disco, non vi cambierà la vita.
Qui sotto vi metto “Uninvite Me To Your Facebook Party”, canzone che vince tutto semplicemente per il titolo divertente.